Tutto il mondo dell'antiquariato online.

Vendita mobili antichi e articoli da collezione - Argento - Arredamento - Arte sacra - Attrezzi - Utensili - Ceramica - Cornici - Cristallo - Fotografia - Incisioni - Lampade - Libri  - Modernariato - Quadri - Stampe - Tappeti

Case d'asta - Eventi - Gallerie d'arte - Mercatini - Musei


 



 

Abbigliamento & C.

Antichi mestieri

Argento

Arredamento

Arte sacra

Attrezzi & utensili

Biancheria

Caffettiere

Ceramica

Collezionismo

Cornici & specchi

Cristallo & vetro

Ferri da stiro

Fotografia

Giocattoli d'epoca

Lampade

Libri

Macinini

Modernariato

Oggettistica

Porcellana

Quadri

Rame oggetti vari

Stampe & incisioni

Tappeti

Varie

 


 

Articoli

Case d'Asta

Collezione privata

Eventi antiquariato

Gallerie d'arte

Mercatini

Mostre

Musei

 


 

Contatti

Ordini

Pagamenti

Spedizioni

 


 

Links

Siti amici

Scambio banner

 


 

Vendita collezionismo

 

 

LUOGHI D'ITALIA: CURIOSITA' NOTIZIE E LEGGENDE

 

Il pozzo di San Patrizio

Si trova ad Orvieto, è profondo 62 metri e largo 14. Fu fatto costruire da Papa Clemente VII per rifornire d'acqua la città in caso di assedio. E' una costruzione di forma cilindrica e illuminata da 72 finestroni. Due scale a spirale, ciascuna formata da 248 gradini, scendono fino in fondo senza incontrarsi mai. Il pozzo è dedicato a San Patrizio, proprio perché il santo si calava in una buca su un'isoletta irlandese per pregare.

 

Sepino - La città dei Sanniti

L'antica Saepinum è a quattro chilometri da Sepino (Campobasso) è il centro della civiltà estinta dei Sanniti, che nel 321 a.C., alle gole di Caudio, inflissero ai legionari romani l'umiliazione delle Forche Caudine.

 

Spoleto - Le Fonti del Clitunno

Si trovano in Umbria tra Spoleto e Trevi. Cantate da Virgilio e già sacre agli antichi romani che vi immergevano gli animali destinati ai sacrifici, hanno ispirato celebri poeti e scrittori come Giosuè Carducci e George Byron.

 

Todi - S. Maria della Consolazione

Santa Maria della Consolazione si trova a Todi (Perugia). Attribuita al Bramante, fu eretta nel Cinquecento per accogliere una nicchia su cui era stata affrescata una Vergine miracolosa. Il muratore incaricato di abbatterla si asciugò gli occhi malati con lo straccio con cui aveva spolverato il volto della Madonna e guarì improvvisamente.

 

Entra nel negozio e acquista online

 

Indietro